Pennellate su Roma

281
di Marcello Gamba

La tavolozza tua, caro pittore,
cià li colori de la nostargia
e quanno che spennelli Roma mia
me dai ’na puncicata de dolore.

Perché arivedo er fiume incantatore
senza quer velo de malinconia,
risento er fiumarolo in alegria
sotto ar ponte cantà «L’eco der còre».

Li platani rismossi da la brezza
affacciano le foje ar murajone
p’incornicià ’sto quadro de bellezza.

Pare che dipignenno ’st ’angoletto
pieno de sogni e pieno de passione
tu m’hai rubbato Roma dentro ar petto.