Partite diverse

54

Franco Causio ciaveva in mano solo un sette e lo calò; lo pijò co quello de denari Enzo Bearzot, che giocava in coppia co lui, dopo che Sandro Pertini l’aveva lassato passà. Drento l’aereo de ritorno da Madrid tutti e quattro, co la coppa monniale in vista sopra ’r tavolo, se daveno da fà in una partita a carte, ma er presidente, oggi fanno trent’anni che se n’è ito a l’arberi pizzuti, nu’ je sconfinferò quel’uscita e se la pijò co Dino Zoff, che ’n anno appresso fu invitato ar Quirinale co ’n telegramma che mo e ’n documento sacro: viemm’a tròva, giocheremo a scopone e cercherò de nun fà più li sbaji che m’hai giustamente rimproverato. Le cronache sportive s’intrecceno purtroppo co fatti d’antra spece: pe parasse da l’allarme sanitario se sta a rinvià quarche partita de pallone a partì da la Lombardia, indove er governatore Attilio Fontana, assieme ar ministro de la salute Roberto Speranza, fa smette le manifestazioni de gioco e ’gni forma de riunione in pubbrica piazza.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Pertini co Bearzot, Zoff e Causio