Pajaccio

272
RUGANTINO n. 12918 del 06 novembre 2011
di Luigi Torini

Lì, su la pista, quanno ch’arza er braccio
p’aringrazzià la folla assai commosso,
se lassa cunnolà da que l’abbraccio
de sbattimano che se sente addosso.

Ma si che pena prova sto poraccio,
infagottato in der costume rosso!
Quante cose che strazzieno er pajaccio,
mentre la gente ride a più nun posso!

Poro Cristo! Da sempre innammorato
de quela prima donna senza còre
che snobba sto compgno infarinato!

Così, ’gni sera, pieno de dolore,
cercanno de scordà come un drogato,
lui piagne e ride e a poco a poco more.