La sora Peppa imbriacona

44
di Peppe er Greve

So’ dispiaciuto, sora Peppa mia,
che a voi ve s’è attufata la raggione
e state a fà ’na tale confusione
che forzi ve stracina a la pazzia.

Inzomma v’attaccate a ’na bucia
pe famme sputtanà da imbriacone,
ner mentre voi, l’amica der boccione,
passate le giornate a l’osteria.

Io v’ho fatto l’auguri e ve rispetto,
ma nu’ me fate rode er fonno schina;
eppoi lassate perde er bucaletto.

Nun parlo pe buttalla in cojonella,
però nun fate più ’sta pantomina,
tanto lo so perché sete zitella.