Nascite

103
di Renato Savelli

Toto detto «er Panzetta» è ‘na pellaccia
propio, come se dice, bullo assai;
si pe’ caso t’azzardi, nun sia mai,
de voleje menà, lui te se spaccia.

Si lo guardi pe’ storto o si je fai
‘n affronto o quarche gesto de minaccia
lui: ah, ah! Te se mette a ride in faccia
e poi te dice: – Va’, fanciullo! Vai!

Sfora, sparisci, piantela, va’ a pasce!
Quello che deve dà la sveja a me
ricordete che ancora deve nasce! –

Ieri l’ho visto tutt’impecettato
de cerotti e co’ n occhio blummarè…
Dico: – A Panzè, che quell’amico è nato?