Zagaja risuscitato

63
di Giggi de Tormarancio

E a te da quanno t’hanno riesumato?
Si stavi a cuccia un antri cinquantanni
avressimo scanzato tanti danni
e l’arte ciaverebbe guadambiato.

Invece, ecchete qua: te sei svejato
co l’intenzione de lavà du’ panni,
come ’na lavannara che s’affanni
pe fà in un giorno solo un gran bucato.

Lava de meno e, quanno pòi, sta’ zitto!
Anzi, nun parlà mai ch’è puro mejo:
sei un po’ indecente quanno te pìa fitto.

Co te nun parlo manco de poesia:
in primise perché sei poco svejo,
eppoi perché nun sai che cosa sia.