’Na vecchia cartolina

42
di Cristoforo Zagaglia

Ner cassetto d’un mobbile, in cantina,
ne la casa in montagna ’ndò so’ nato,
drento a ’n libbro de scôla ho ritrovato
de cinquant’anni fa ’na cartolina.

Ne’lo scritto, che er tempo ha scolorato,
ce se legge: «Te porto sempre in côre»
e ricordanno quer lontano amore
una lacrima er cijo m’ha bagnato.

– ’Ndove sarà, – me chiedo – cos’è stato
de chi m’accese in côre er primo fôco?
De quer ber sogno che nun s’è avverato? –

E tra le villeggianti der paese,
che ogni estate frequenteno ’sto lôco,
vado cercano invano la «mia» Agnese!