Meritato riposo

103
di Giuseppe Appetecchia

La mia padrona, nobbile contessa,
che tutto l’anno sano, scherzi a parte,
s’affatica sortanto a giocà a carte,
è annata ar mare a rinfrancà se stessa.

Co’ quella faccia livida e sconvorta,
un mese in riva ar mare nun je guasta;
capischi, tutto er giorno a fà a canasta
è ’na fatica che nun se sopporta.

Ar mare cià più svago: sta sdrajata
co’ tutto er bendeddio a l’aria pura,
se gode er sole, abbraccia la natura
e poi s’appanza d’aria ossiggenata.

Però, quanno ritorna, so’ sicura
che pe’ rifasse dalla faticata
che l’ha stordita tutta la mesata
rifà er fagotto e va in villeggiatura.