Divagazzioni campagnole

59
di Martina Di Vito

Appena vado for de Roma mia
sento un profumo che me porta via:
comincio a respirà quell’aria pura
ner verde che je fa d’acconciatura.

Insomma posso dì che tale ambiente
me riordina ogni idea che me viè in mente;
me stimola ’na pace spirituale
percui riflette me viè naturale.

Er cinguettà de passeretti a frotte,
la vista de le lucciole de notte,
so’ immense reartà de la natura
degnissime d’un quadro de pittura.