Meo Zagaja se ripresenta

12
di Giggi de Tormarancio

Egreggio direttore artoslogato,
so’ Bartolomeo Zagaja e me presento
pe la siconna vorta, in quanto sento
che a scrive in romanesco so’ portato.

So’ stato a scola e lì m’hanno inzegnato
a parlà poco, in modo chiaro e attento;
elabboro in dialetto ogni argomento,
tant’è che so’ perfino addipromato.

La cosa m’acconzente d’esse schietto
perché chiamà «lombetto» er disonesto,
vordì portaje er massimo rispetto.

Certo è un lavoro fatto de pazzienza,
ma posso approfittà d’un bon protesto
pe cojonà, sarvanno l’apparenza.