Er baritono aspirante

28

Sibbè ciabbi la voce somijante
a quella d’un quattrupeto bassotto,
convinto forzi d’esse un Pavarotto,
canticchia, ma da piccolo aspirante.

Invece mostra taja da gigante
sur fatto d’ingozzasse: è accusì jotto
che accosto a un tavolino se fa in otto,
tanto che spesso je ce vò er purgante.

Ieri, pe chiude bene la serata,
doppo ’na cena indegna de rispetto,
ha detto: – Mo ve canto la Traviata! –

Ma propio indò è richiesto un «do de petto»,
sii pe lo sforzo, sii pe l’abbuffata,
ahò, nun j’è sortito un «do de retto»?