Martire

29
di Plinio Maglioni

Senteme, Toto, nun me strazzià ancora
de più de quello che nun so’ strazziata.
Ch’ho fatto p’èsse tanto disgrazziata,
per avé ’sto martirio che m’accora?

Toto, èsse bòno! Manna a la malora
er vino e li compagni! La serata
pàssatela in famija che t’adora,
assieme a ’sta cratura che c’è nata.

Adesso dorme, povero angeletto,
ma si sapessi quanto t’ha aspettato
per abbracciatte, per avé un bacetto

dar padre suo così cattivo! Senti,
cambia ’sta vita, si te c’è restato
un po’ de còre. A Tò, facce contenti!