L’olivaro

45
di Goffredo Zeppi

Mo puro l’olivaro s’è aggiornato:
pe’ quanto va cor secchio o concolina,
lo vedi de marcià’ motorizzato
e presto viaggerà co’ la «bianchina».

Er secchio lo riggira, lo smucina
co’ ’n cucchiarone tutto scorticato
e, quanno serve, fa ’na risatina,
come si te dicesse: – T’ho fregato! –

Perché te dà un cartoccio pieno d’acqua:
l’oliva ce galleggia come un pesce
che pare che lì drento ce se sciacqua.

E strilla: – Oliva dorge primarola! –
A magnalla, però, nun t’ariesce
perché l’amaro te se strozza in gola.