Ar Metropolitano nano

20
di Giggi de Tormarancio

Ciai li lettori? E dimme, l’hai trovati
drento quarche deposito segreto,
indò se fa conosce l’arfabbeto
a li cazzacci sottosviluppati?

Siccome li svarioni smisurati
che scrivi, scuserai si so’ indiscreto,
me pareno sortiti dar dedietro,
st’ammiratori te li sei inventati.

Ma in caso ce l’avessi per davero,
co quello che j’hai fatto diggerì
deveno avé lo stommico de fero.

Dico l’istesse frase ritontante?
Sicuro! Ma che cazzo se pò dì
a un nano stravestito da gigante?