L’istinto

50
di Vittorio Lupidi

Un vecchio generale disse a un gatto,
je fece: – Senti un po’, bell’animale,
me piaci, è vero, ma nun sei leale:
tu sgraffi e te squaji quatto quatto.

– Ma quer che dichi, caro generale,
è cosa vecchia, pane già rifatto.
L’omo (o la bestia) è fatto com’è fatto:
sarebbe com’a dì ch’è naturale.

Si sgraffio quarchiduno è pe’ l’istinto
de sarvamme da chi m’ha scorticato
perché so’un gatto vero, mica finto.

Piuttosto penza a te che sei gueriero
solo perché te l’hanno commannato
rinneganno l’istinto: quello vero.