Er sonatore sonato

56
di Giggi de Tormarancio

Appena Ripiscetto vò discore,
dovrebbe mette in sintonia l’ucello:
defatti è propio lì che tiè er cervello;
inzomma è un sottopanza penzatore.

Ce l’ha co Peppe er Greve, er berzitello,
e pe dì un gnente fa tanto rumore;
appett’a lui Peppino è un gran signore
e quanno stamo ar dunque conta quello.

Lo vò fa nero? Embè, lo facci puro:
si penza d’esse in grado, è naturale,
co quela grinta ruzza sur sicuro.

Però si un fregno sta così incazzato
riesce, prima o doppo, a fasse male
e invece de sonà resta sonato.