Liquidazione romanesca

95
di Umberto Mander

– Tutto pe’ corpa sua si l’ho lassata,
poteva fà de meno la ciovetta;
volevo faje ’na riccommannata
pe’ daje ufficiarmente la disdetta;

poi, quanno stammatina l’ho riletta,
m’è parza troppo forte e l’ho strappata.
Quella ch’ho scritto adesso è più ristretta,
più circoncisa e assai più accastigata:

che je daressi, Cencio, ’na guardata,
ce fussi quarche orore de sintassi
o te paresse ancora un po’ azzardata?

– Macchè, Mariuccio, lassela cusì.
Solo ’na cosa credo che nun passi:
mignotta nun se scrive co’ du’ ti?