L’impiegato municipale

62
di Alessandro Morelli

Entra a’l’ufficio, tutto affaccennato,
se sdraia un tantinello sur divano,
poi s’asciutta er sudore ch’ha buttato
e dà ’na scorsa ar «Popolo Romano».

E, quanno che se sente ariposato,
s’avvicina ar sedione e, a mano, a mano,
se mette a sede’ tutto dilassato
e lì comincia a scrive’ piano, piano.

Appena che s’è fatta ’na sgobbata
de du’ minuti, acchiappa er «Messaggero»
pe’ vede’ un po’ da scioje la sciarada.

Poi, s’arza da la sedia, pîa l’invorto
de li scritti, je dà ’na sistemata
e se ne torna a casa stracco morto.