Li spaghetti

47

Appett’a un ber piattone de spaghetti
nun c’è ’na cosa che pò stà a confronto;
percui quanno so’ cotti, e tutto è pronto,
li tratto co li debbiti rispetti.

Io nun ciabbado ar «quanto», ma un par d’etti
in fonno arippresenteno un acconto;
così riprico p’ignottì l’affronto:
du’ etti in più so’ sempre bene accetti.

Pe me «spaghetti» è uguale a «sinfonia».
Avoja a dì che gonfieno la panza;
chissene frega! Eppoi la panza è mia!

Me sacrifico ar «santo pastificio»
pe famme conzervà ’sta bona usanza:
pìo la forchetta e inizzio er sacrificio.