Masteghino è arisentito

46
di Bortolo Masteghin

Ve prego de scusamme: m’intrometto,
puro se inzino a mo nun ho parlato,
in quanto so’ er diretto interessato,
percui devo schiarivve l’intelletto.

De certo so’ ’na schiappa e ve l’ammetto,
gajardo come voi nun so’ mai stato,
capisco d’esse l’urtimo arivato,
però pretenno un tanto de rispetto.

Innanzitutto in quanto so’ perzona,
ciò un po’ d’annetti e perdo la pazzienza
si quarche finto vate me cojona.

E un conte quale so’, me pare chiaro,
nun pò concede tanta confidenza
a chiunque se dimostra borgataro.