Li lamenti der somaro

218
RUGANTINO n. 12908 del 27 settembre 2011
di Arnaldo Barberini

Se lagnava un somaro: – So’ jellato;
so’ stato rivennuto a certa gente
che si me stanco nu’ je frega gnente:
e quante bastonate m’hanno dato!

Penzà che m’ero quasi rifiatato
pe’ via dell’antro, ch’era un prepotente,
ma che magnavo un cibbo più decente;
invece co’ quest’antri è risicato!

Cusì ho capito bene, caro mio,
che puro si a’le vorte ho baccajato
chi cià rimesso so’ sortanto io.

E ho visto puro che a cambià padrone
nun ce sta propio gnente de cambiato:
so’ sempre tortorate sur groppone!