Natura e arte

175
RUGANTINO n. 12891 del 31 maggio 2011
di Pellegrino Ascarelli

Ciò una ragazza io ch’è una bellezza
e se pò dì ch’è fatta a perfezzione.
Lei cià bon peso, cornicione, artezza
e cià l’occhi più neri der carbone.

Che colore de carne, che freschezza!
Si la guardate me viè’ una convursione
e quell’occhi so’ peggio d’una frezza:
fanno più buchi loro che un cannone.

Se dice de statue a li musei,
se lodeno li quadri d’un pittore;
ma v’assicuro ch’è più mejo lei.

So’ belli, sì, li marmi e la pittura;
ma ar monno quer che piace e fa furore
su tutte l’antre cose è… la natura.