Li gradiatori senza paura

18
di Giggi de Tormarancio

Mo che ciai zagajato ’sta minaccia,
cara Peppina mia, pòi stà sicura
che stamo a friccicà da la paura
co l’espressione der terore in faccia.

Potemo ditte quarche parolaccia,
ma spigne in tale senzo ortremisura
faressimo de certo ’na figura
che in pratica sarebbe figuraccia.

Noi semo gradiatori e tanto abbasta
pe mette in chiaro, senza discusione,
che semo fatti de ben antra pasta.

Nando sicuramente t’arispetta
in quanto è gentilomo e pacioccone;
eppoi che mai pò faje ’na vecchietta?