Li desaparecidi

20
di Ciccio de la Garbatella

L’arena è straformata in un cortile:
er più saputo è peggio d’un somaro,
se lotta senza grazia e senza stile
co la finezza der peracottaro.

Er modo è diventato indegno e vile,
er vero gradiatore è un pezzo raro.
Chi se lamenta e ciancica la bile
è un certo Aristidazzo der Quadraro

che aveva incominciato a fà cagnara;
poi, dette du’ fregnacce, è ammutolito
ne li dintorni de la Gargottara.

Ma er fatto stravorgente de st’andazzo
è dato dar silenzio che ha corpito
tutta la gente che abbita a palazzo.