Li capelloni a Trinità de Monti

38
di Franco Chiudoni

’Sti capelloni stanchi e migragnosi,
che vònno vive’ a sbafo de ’gni fesso,
vengheno a Roma come li rognosi
e rammolliti come er pesce lesso.

Ariveno dall’estero ’sti cosi,
senza ’na lira, ricchi de complesso;
se mischieno a li nostri «tenebbrosi»
e si li guardi nun capischi er sesso.

Dormeno su ’sta vecchia scalinata,
so’ insoddisfatti; ma che cacchio vònno?
Se gusteno fra l’antro l’infiorata

de l’azzalee ch’è la più bella ar monno,
fatta pe’ Roma tanto decantata
e no pe’ li «jè-jè» morti de sonno!