L’Erminio ammutolito

44
di Nando der Tufello

Dice ch’er conte de la Gargottara
ha fatto voto de silenzio stretto;
si parla co l’amichi è cosa rara
tanto che nun se sa che cosa ha detto.

Più nun se vede e più la gente impara
che doppotutto nun è gran difetto
si nun se fa sentì co voce chiara
da quanno s’arza inzino a che va a letto.

Però li gradiatori nun ce stanno:
er gioco de le rime è troppo bello
pe mettelo da parte tutto l’anno.

Erminio caro, datte un po’ ’na mossa:
ritorna a fà volà quer ber fringuello
che chiama li poveti a la riscossa.