Amore ceco

69

Ma quale amore, quale convivenza!
Macché felicità, ma quale unione!
Si credi ar matrimonio sei un cojone!
Lo vòi capì ch’è tutta ’na scemenza?

Che imparmi un «mezzo stupido» o ’na «lenza»,
che porti o metti corna a sprofusione,
in d’ogni caso spigni la raggione
a vere e propie prove de pazzienza.

Presempio c’è la zia de mi’ cognata
che nu’ l’accosterebbe manco un ceco;
chissà er marito indò l’avrà trovata.

È brutta, storta, traccagnotta e… mena;
’na cozza, inzomma, d’ordine ciufeco,
e lui seguita a dì ch’è ’na sirena.