Le lezioni der cinematografo

19
di Arturo Muratori

Chi vô slargasse un tantino la mente
Mo nun cià più bisogno de scoletta,
Perché adesso la scola più perfetta
Se dà ar cinema, e in modo divertente.

Lì c’impari a ammazzà tranquillamente
Quanno devi sfogà quarche vennetta,
L’arte de fà la corte a ’na maschietta
E quella de campà senza fà gnente.

C’impari er puggilato e la rulette,
Come se fa giustizzia a fucilate
E come pôi scappà da le manette.

E pe’ de più c’impari ar botteghino
Come se fanno quadrini a palate
Co’ du’ scemi, ’na tela e un lanternino!