L’arbitro de carcio

79
di Carlo Del Duce

Quann’er tifoso je strilla «cornuto»
nun c’entra la questione coniugale
ma è ’no sfogo, der tutto naturale,
perché è convinto che lui s’è venduto.

L’arbitro, ch’è ’na spece d’animale
vero esemplare de baron fottuto,
che sia provetto oppuro sprovveduto,
a la gente je pò fà bene o male.

Er pubbrico protesta co’ furore
quanno fischia un rigore inesistente
che je fa perde la squadra der core.

E, certamente, lo fa in bona fede
ma nisuno me leva da la mente
che quell’arbitro propio nun ce vede!