Un angolo maggico

106
di Claudia Crescenzi

Un rudere der tempo de Nerone,
mezzo anniscosto da la pallatana,
e intorno la campagna
che stenne su la piana
vigneti sparpajati a sprofusione.
Ecco un boschetto sotto ’na collina
indò er fringuello trilla ar propio amore.
Sull’aia de ’na casa contadina
gorgheggia un gallo in chiave de tenore
e come un generale de brigata
controlla la nidiata de purcini
che vanno appresso, tali a sordatini,
a la biocca che guida la sfilata.
Ondeggia er grano da le messi d’oro
ar lieve sorfeggià der ponentino
che fa sgrullà la testa
ar mucchio sbarazzino
de papaveri in festa.
E lo spaventapasseri baccaja
a la frotta affamata
che mira a procurasse l’abbuffata.
Ma chi vòi che dia retta
a un pupazzo de paja
pe via de quarche spiga saccheggiata!
E mentre verso oriente
la sera smorza er giorno lentamente,
e dar canneto ar bordo d’un fossato
inizzia un concistoro organizzato
da la communità de raganelle,
me godo ’st’angoletto de maggia,
aspetto er buio p’ammirà le stelle
e indovinà qual è la stella mia.