L’amore nun è bello

31
di Gino Mattei

Da un mese e più che cio co’ Teresa
èrimo fidanzati d’annscosto.
La sera se vedemio sempre a un posto
e se facemio ’na passeggiatina.

Annamio sott’ar braccio accosto accosto
e pe’ ’gni tanto quarche fermatina,
appena appena quarche acchiappatina
e poi… sortanto fume e gnente arosto.

E je dicevo: – Senti, amore bello,
damme un bacione, strigneme sur còre,
l’amore è bello si è stuzzicarello. –

Ma l’antra sera (solo ner pensacce
me viè la pelle d’oca) co’ un tortore
ce pensò er padre (e come) a stuzzicacce!