L’agopuntura

182
di Elio Banal

Nonno leggeva er metodo cinese
che cura l’òmo co’ l’agopuntura;
voleva sapé tutto su ’sta cura,
ma s’abbioccò pe’ er sonno che je prese.

Sognò che co’ ’sta cura le pretese
dell’òmo pe’ commatte la natura
ereno come un gioco da cratura:
bastava puncicà le parti offese.

Pure si un punto era paralizzato,
tornava lì per lì forte e guarito
appena ch’era stato puncicato.

Lo svejò nonna e disse: – Che t’inzogni?
Che strilli che te sei ringiovanito?
Ma statte carmo e… nun da’ retta a sogni!