Le fatiche d’un deputato

308
di Diomede

Incontro a casa mia c’è un deputato
che mo j’ha preso come ’na passione,
de fà stà er corpo suo i’ lavorazzione
e da tienello sempre esercitato.

Sta tutto er giorno a fà ’n ’operazzione:
arza li pesi, impara er puggilato,
tira de scherma mejo d’un sordato
e strilla peggio assai de ’no strillone.

Figurete che mo pe lui un quintale
è ’n ’oncia de bambace, è – fatte conto –
l’istessa cosa propio talecquale.

E dice che ’sto boja movimento
lo fa p’aritrovasse sempre pronto
a raggionà e discute in parlamento!