La tommola

295
di Rinaldo Frapiselli

Si ognuno cià vicino ‘na maschietta,
er gioco de la tommola è carino
perché, mentre co’ l’occhi se spaghetta,
se gioca puro sotto ar tavolino.

Ah, lì sotto, si vedi, è ‘na scenetta:
du’ piedi grossi strigneno un piedino,
qua e là se giostra puro de cianchetta,
è un ciaffrujo de gamme ogni tantino.

E ner mentre che famo a pedinella
arimanemo tutti intontoniti
e nun guardamo manco la cartella.

Così succede poi che, uno a uno,
già li novanta nummeri so’ esciti…
e nun ha fatto tommola gnisuno.