La tavola ner monno

176
RUGANTINO n. 12895 del 28 giugno 2011
di Paolo Pesci

’Na tavola, imbandita o poverella,
è immaggine de vita e d’appetito
e a casa propia, oppuro per invito,
da quanno campa er monno è la più bella.

Co’ un po’ de brodo drento ’na scudella,
indove er pane sguazza abbrustolito,
pòi ripijà de botto er colorito
e accompagnallo co’ ’na pennichella…

Si tutto er monno fusse apparecchiato
se scoprirebbe, forze, un’alleanza
tra le popolazzioni der creato.

A l’omo de magnà nun je dispiace,
ma a tavola, parlanno d’uguajanza,
pò córe e’ rischio d’inventà la pace!