La pace

110
RUGANTINO n. 12866 del 07 dicembre 2010
di Michele Ceccarelli

La pace, amico mio, è la fantasia
d’un sogno che ha cullato sempre er monno;
la vonno tutti, ma t’accorgi, in fonno,
che gira gira è tutta ’n’utopia.

Me parlava de pace, e che ironia,
perfino la bonanima de nonno,
quanno invece birbanti gabbamonno
prepapaveno guere e carestia.

Inzomma, caro mio, ce credo poco;
lì du’ bombette, là un corpo dei stato
che è propio come de soffià sur foco.

Sola a ’na pace io credo e si ce penzi
sarai d’accordo e resti sconsolato;
purtroppo è certa quella de li senzi.