La morale de sempre

213
di Clemente Giuntella

Jeri passavo giù pe’ Tordinona
quanno ho visto pe’ tera un portafojo,
gonfio lo stesso a Nena la panzona,
co’ sopra aricamato un quadrifojo.

Io, che campo tra lagrime e cordojo,
dico: – Madonna mia, sei troppo bòna…
Grazzie! Ma si appartiè a quarche persona
che soffre? ’Sto rimorso nu’ lo vojo. –

L’opro, ce guardo drento e nun te dico
quante sfojose!… E in mezzo c’era questo:
«Amalia Bucidoro, via in Panico».

Io je l’ho ariportato. – Ma benone!
Te l’hanno detto che sei un òmo onesto?
– No, m’hanno detto che so’ un gran frescone!