Ho vinto io

65
di Francesca Morabito

’Stavorta nu’ m’incanti, ho vinto io!
Mo guardeme annà avanti;
er còre mio apparteneva a te,
ora è un ricordo
che porterò co me.
Un penziero fisso: nun te sforzà
a famme ricascà,
ché tanto me riarzo.
Ciai un soriso che m’ammazza…
ma oramai nu’ m’imbarazza
ditte questo a testa arta:
«Nun se ritorna indietro,
nimmanco si c’è la forza
de pijà la rincorza
pe riabbraccià un sogno già spento».