Famija modello

25
di Duilio Simiele

Nun c’è giorno che manna er Padreterno
che a casa mia nun regna lo scontento:
baruffe che nemmanco in parlamento
e fracasso de diavoli all’inferno.

E io sarebbe er capo der governo,
’na triade ch’è propio un gran tormento:
socera, moje e fìa; e nun c’è momento
che nun me tocca a maledì ’sto terno.

Mi’ socera, se sa, è l’opposizzione;
mi’ moje la difenne e la mi’ fìa
m’ha minacciato puro cor bastone.

E certo io me sto zitto: e chi le tocca?
Pe’ loro, io so’ er tiranno de famìa,
le possinam… Madò, tiemme la bocca!