Galoppino o galoppone

20
di Ezzio Ripiscitti

Er galoppino no, ma er galoppone
lo fai da che sei nato, amico bello.
E tu saressi da pijà a modello?
Giggetto mio, se sa che sei un trombone!

Ciai ’na capoccia che, pe dimenzione,
nun t’acconzente de trovà un cappello.
Ma si potessi soppesà er cervello
dovressi piagne de disperazzione.

Nisun de noi se spaccia pe poeta;
comunque quarchiduno è addipromato,
ner mentre che sei tu l’anarfabbeta.

So bene che a parlatte è tempo perzo
e ciai quer fà da vate navigato,
sibbè nun hai mai scritto mezzo verzo!