Era notte

86
di Mario Foce

Era notte. Una notte tanto bella
co’ la luna che propio t’incantava.
E io stavo a guardà ’na finestrella,
che sola fra le tante luccicava.

E vedevo apparì ’na capoccella
che arzava le tennine e se n’annava,
poi ritornava ancora e s’affissava
co l’occhi fissi come su ’na stella.

Allora je cantai: – Vota è fortuna,
io spasimo pe voi, ciò er core in pena
e voi ve state a contemprà la luna? –

S’uprì la finestrella adacio adacio
e in quella notte piena de mistero
intesi fà un sospiro e mannà ’n bacio!