Er sinnaco e li petrodollari

58

Roma nu’ je l’ha fatta a fà er padron de casa a l’edizione 2030 de Expo. Ma er sinnaco de la capitale, Roberto Gualtieri, nun s’abbatte: questo no; stranito sì, e puro forte, seconno quanto ha dichiarato alla Repubblica: ciavemio le lettere d’impegno firmate da l’ambasciatori de li paesi che alla fine nun cianno votato; quele promesse a la fine so’ sfacciatamente addiventate carta straccia. L’esempio che je viè subito in mente è quello der viaggio in Bosnia: se semo dati da fà pe mettese d’accordo, ma appresso a st’incontro c’è stato subbito quello co Riad, che a Sarajevo se dev’esse presentata come Dio commanna pe smove la preferenza verso er Golfo. L’istessa cosa pe decine e decine d’antri paesi. Ieri matina, prima de la batosta, dar comitato promotore faceva capoccella la sicurezza d’avé armanco 50 voti; poi quele preferenze so’ addiventate 17. Manco un delegato su dieci ha scerto Roma e ar sinnaco nun resta che ammette la sconfitta che dole; e poi spiega perché penza che nun areggono le modalità che l’hanno fatta sortì fora: Riad s’è allargata, s’è portata avanti co la forza de li sòrdi, ha fatto diventà st’Expo ’na cosa a parte; semo abbacchiati (vedi ’n po’), er progetto nostro era propio gajardo, ma li rapporti de forza economici che so’ sortiti fora, come avemio puro denunciato, hanno portato a ’n voto papale papale, a ’na vittoria schiacciante de Riad. L’urtimi giorni, er sinnaco aveva parlato chiaro – guasi guasi pe dispetto – de li petrodollari e de la manfrina impostata dar principe ereditario Mohammad bin Salman Al Sa’ud. Pe Guartieri viè da sé aritornà a bomba: tanti eventi internazionali vanno a forza de risorse ner Golfo, noantri avemio segnalato sto probbrema; oggi però è capitato e dovemo abbozzà sportivamente.

Massimo Moraldi

(Fonte: Nova News)

Ne la foto: Mohammad bin Salman Al Sa’ud