Er sacrileggio

73
di Angelo Conte

Nun è ’na novità se ’gni cristiano,
che sarvognuno è stato indottrinato
da li comannamenti der curato,
confonne spesso er sagro cor profano.

Indove Iddio ciazzeppa un ber «vietato»,
lui ce se fionna a tuffo de gabbiano
cor chiodo fisso de inzuppà le mano
framezzo a le magagne der peccato.

Così peccamo nun se sa quanto
e nonostante doppo se pentimo
ciaricascamo uguale, perché tanto

er sacrileggio (come lo chiamiamo)
nun è quer che noi famo e poi nun dimo,
ma quello che noi dimo e poi nun famo.