Er premio

79
di Tommaso Galletti

Lessi l’avviso: «L’accademia stabbile
opre un concorso per un acquarello;
pò concore ogni artista der pennello
che ciabbi der valore incontrastabbile.

Ogni soggetto è libbero e accettabbile;
l’autore che concore cor più bello
vincerà ’na medaja ch’è un gioiello.
La giuria, come sempre, è inappellabbile».

Vinsi er concorso in pieno e la giuria
m’ammollò ’na medaja d’ottonaccio
che nun ce vò giocà manco mi’ fìa.

Dice: è un premio simbolico. Ma stacca!
Vedo solo che pure un romanaccio
se fa ammollà la solita patacca.