Er poeta

164
di Giggi Spaducci

La mente der poeta è un mulinello,
‘na fornace, un vurcano addirittura.
Studia er bono e er cattivo, er brutto e er bello,
tanto la verità che l’impostura.

Er poeta lavora cor cervello
e s’ispira a la gente e a la natura,
ma je piace l’amore, ché co’ quello
l’ispirazzione è facile e sicura.

L’amore fa più semprice la rima;
le donne, pe’ chi scrive, so’ le dee
o addirittura la materia prima.

A me basta che sto co’ Nina mia:
me vengheno l’idee, ma certe idee
che nun sta bene a mette in poesia.