Er perdono

63
di Giorgio Cerutti

– No, – fece lui – nun diteme più gnente;
nun me ripìo ’na fìa disonorata;
che se rosichi mo, si se ne pente:
pe’ me da un pezzo è morta e sotterata!

Ha lassato ’sta casa, m’è scappata,
e mo lei va dicenno a certa gente
che un giorno spera d’èsse perdonata.
Che nu’ je sarti manco pe la mente

de presentasse qui, ché la rovino! –
Ma un giorno stava a beve, era de festa;
fra una partita e fra un bicchier de vino

je fecero: – Sei nonno da tre giorni. –
Lui chiuse l’occhi, poi abbassò la testa;
cacciò un sospiro e fece: – Che ritorni!