Er manicomio

148
di Amleto Spagnoli

Mo l’òmo più baccaja, più s’ostina,
più credo sappia meno a quer che ambisce.
Lui vive ne’ la solita manfrina
de dì che viè sfruttato e che subbisce.

Così, pe’ contestà, c’è chi rapina,
chi scippa, chi baccaja, chi tradisce,
chi litiga, chi rubba, chi assassina,
chi propio nun sa più come finisce.

Ma si er momento, come dico, è brutto
mo ’sto governo merita un encomio
pe’ l’ordine che regna dapertutto.

E ’sto campà s’è fatto così bello
che ce trovamo drento a un manicomio
convinti de stà fòri der cancello!