Er dialogo

76
di Febo Ravarino

– Papà, lo vedi er monno che schifezza?
– Lo vedo, fijo mio, e ciò un magone!
Me so’ ridotto a la disperazzione:
’ndò m’arivorto vedo ’na monnezza.

– Tu la devi piantà co la dorcezza,
è arivato er momento der bastone.
Pe’ ’sti matti ce vole ’na lezzione
bella, decisa, senza debbolezza.

Ne fanno troppe! No, nu’ lo sopporto.
Famme partì, te prego, abbi pazzienza:
vojo raddrizzà er monno, è troppo storto!

– Che dichi? Raddrizzà la robba storta?
Eppuro l’hai già fatta ’st’esperienza…
Vòi fatte crocifigge ’n’antra vorta?