Eloquenza

310
RUGANTINO n. 12927 del 07 febbraio 2012
di Carlo Bardella

Ammazzelo, che razza d’oratore!
E che voce! Che gesti! Ch’eloquenza!
Quanno ’sto fregno tiè ’na conferenza
t’arubba l’occhi e t’incatena er côre!

Spara le frasi cor mitrajatore
e si je suggerisci una scemenza
in bocca sua diventa una sentenza
che pô vive perfino due o tre ore.

Quello lì nun è un ômo! È un accidente!
Un furmine! Un vurcano in eruzzione!
Un diavolo! Un fenomeno vivente!

E arfine, come un córpo de cannone,
conclude e chiude. Nun t’ha detto gnente,
eppure strilli: – Bravo! Ciai raggione!