Discorzi d’amore

55
di Vittorio Garasi

A Nì, ma guarda guarda che giornata!
Nun pare che c’invita a fà l’amore?
Qui fra l’erbetta spunta quarche fiore
e l’aria è tutta quanta sprofumata.

Mettemese a sede su ’sta spianata,
parleme quello che te detta er còre,
famme, Ninetta mia,sentì er sapore
de’la boccuccia tua cusì aggrazziata.

No, mo nun t’incantà co’ ’sta cicala
che canta tutt’er giorno a squarciagola
inzin’a che la voce nu’ je cala.

Ma strignete accusì sur còre mio,
baceme forte senza dì parola,
ché a’ resto, Nina mia, ce penzo io!